sabato 23 maggio, 2015

TOP NEWS


l'attacco degli edili siciliani Crocetta Robin Hood al contrario Toglie risorse agli investimenti

“Il Genio Civile ha lanciato l’allarme sul rischio di crollo e sul conseguente cedimento nella statale 121 e nel viadotto autostradale Ponte Cinque Archi sulla A19 Palermo-Catania. La segnalazione risale al 14 aprile scorso ma se ne apprende oggi. In un mondo normale ci si aspetterebbe la mobilitazione del governo regionale e invece il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, continua a sottrarre risorse agli investimenti per impiegarli in spesa corrente, mettendo in crisi il lavoro produttivo e l’infrastrutturazione della, ormai impraticabile, Sicilia. Il novello Robin Hood al co...

continua..

Text/HTML

LINK UTILI

Comunicato Stampa

EDILI, CISL: IN FINANZIARIA RISORSE PER INVESTIMENTI

Barbera (Filca) al governatore: "Il settore delle costruzioni, il 15% del Pil siciliano, è in agonia e 80 mila lavoratori sopravvivono grazie agli ammortizzatori.

Servono risorse e investimenti, non interventi-tampone"

Cisl Sicilia - Foto Notizia

“Il governo regionale batta un colpo e preveda, nella manovra finanziaria per il 2014, risorse per gli investimenti legati al rilancio del settore edile. Il comparto delle costruzioni, che da solo rappresenta il 15% del Pil siciliano, è in agonia, 80 mila lavoratori sopravvivono grazie agli ammortizzatori sociali; siamo a un passo dall’esplosione di una grave emergenza sociale”. Lo dichiara il segretario generale della Filca Cisl Sicilia, Santino Barbera, che aggiunge: “Ad oggi il governo Crocetta si è distinto solo per il taglio di migliaia di posti di lavoro, per l’assenza di una programmazione dei fondi comunitari e di forme di sviluppo e rilancio dell’economia isolana. I deficit strutturali si combattono non soltanto con la riduzione delle spese, ma con investimenti produttivi che innescano il motore della crescita”. “Rispetto al settore edile - continua Barbera - il governo non ha fatto quanto avrebbe potuto e dovuto, col risultato che cresce drammaticamente il numero dei suicidi fra gli edili senza lavoro e aumenta vertiginosamente il numero dei disoccupati. Questa valanga di persone non subirà passivamente un altro anno di inattività, di incertezza per l’immediato futuro; si rischia un dramma sociale dagli effetti e dalla portata ad oggi non calcolabili”. Secondo il segretario generale della Filca Cisl Sicilia è fondamentale l’impegno dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Nino Bartolotta, a imprimere una svolta rispetto a quanto avvenuto l’anno scorso. “Bartolotta – aggiunge Barbera – nella programmazione finanziaria per il 2014, non si faccia scippare tutte le risorse destinate all’edilizia, le difenda a spada tratta contrariamente a quanto fatto l’anno scorso. E’ ora che il governo regionale esca dalla logica degli interventi-tampone per il settore delle costruzioni, degli annunci a effetto. Lo ripetiamo da anni: servono azioni concrete, durature nel tempo”. “L’esecutivo Crocetta - conclude Barbera - dimostri di volersi occupare seriamente del comparto edile, prevedendo nella manovra finanziaria per il 2014 interventi concreti in favore degli investimenti del settore”.